Fisiologia dell’apparato riproduttore maschile

postato in: Vario | 0

medicina-online-dott-emilio-alessio-loiacono-medico-chirurgo-roma-asse-ipotalamo-ipofisi-testicolo-ormoni-riabilitazione-nutrizionista-infrarossi-accompagno-commissioni-cavitazione-radio

lo stimolo dell’ormone ipotalamico FSH/LH-RH, l’adenoipofisi rilascia FSH ed LH. L’FSH agisce sulle cellule del Sertoli stimolandole a produrre Androgen Binding Protein (ABP). L’LH agisce sulle cellule pel Leydig stimolandole a produrre testosterone. Questo giunto alle cellule del Sertoli viene trasformato in deidrotestosterone. L’aumento della concentrazione del deidrotestosterone stimola le cellule del Sertoli a produrre inibina, un ormone che agisce a livello della adenoipofisi inibendo la produzione di FSH. Gli spermatozoi maturi si staccano dalle cellule del Sertoli e vengono immessi nel lume del tubulo seminifero, attraversano la rete testis del testicolo e raggiungono l’epididimo dove la loro motilità viene incrementata da un processo di maturazione. Dopo il passaggio attraverso l’epididimo gli spermatozoi si arricchiscono del liquido secreto dalle ghiandole annesse alle vie genitali maschili. L’insieme degli spermatozoi e del liquido prodotto da tali ghiandole, costituisce il liquido seminale.

 

http://www.federica.unina.it/medicina-veterinaria/fisiologia-degli-animali-domestici/fisiologia-lattazione/

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Share Button

Lascia un commento

Current month ye@r day *